L’importanza di una buona comunicazione

Di solito ascoltiamo o leggiamo quanto sia importante mantenere una buona comunicazione, sia sul posto di lavoro, in famiglia, nel sociale o in coppia. Ora, prendiamo in considerazione tutto ciò che il processo di comunicazione comporta?

Non sempre troviamo le parole precise, il modo per farci capire o trasmettere ciò che vogliamo trasmettere, anche per trasformare in parole ciò che pensiamo o sentiamo. Spesso è una sfida per noi. A volte consideriamo anche che non siamo noi, ma il nostro interlocutore che mette una barriera in modo che il nostro messaggio non lo raggiunga.

Non siamo a conoscenza di tutto l’ingranaggio che fa parte dei nostri processi di comunicazione. Dimentichiamo l’importanza di comunicare con gli altri in modo chiaro e semplice, senza pensare all’impatto che le nostre parole e i nostri gesti possono avere.

Assumiamo, diamo per scontato, creiamo ipotesi personali su eventi o persone, comprendiamo, diffamiamo, aggiungiamo o rimuoviamo dettagli alle informazioni che ci sono pervenute, ecc.

Come ha sottolineato Paul Watzlawick, uno dei più grandi esperti di comunicazione umana all’epoca, le persone commettono grandi errori in questo processo, che diminuisce completamente la nostra capacità di raggiungere accordi o consolidare relazioni.

“Non aspettare il tuo turno per parlare: impara ad ascoltare davvero e sarai diverso.”

-Charles Chaplin-

Creiamo realtà dal linguaggio

Amici che bevono caffè seduti

Siamo come scultori, che creano o distruggono le informazioni che originano o ricevono, in base alle loro caratteristiche, esperienze e peculiarità. Dobbiamo tenere a mente che, gli esseri umani creano realtà, attraverso il nostro linguaggio.

Quando una persona cerca di trasmettere un’immagine, un sentimento, un concetto o un’idea, l’interlocutore probabilmente non riceve lo stesso. Ci hai mai pensato? La causa della stragrande maggioranza delle incomprensioni è quando le persone pensano di parlare della stessa cosa, ma la loro concezione è totalmente diversa.

Pertanto, studi come quello condotto dagli psicologi Celia roberts e Val Wass, del King’s College di Londra, sottolineano che l’insegnamento delle capacità comunicative è fondamentale nell’educazione di tutti gli studenti universitari. Domani, un professionista con poche competenze in questo campo non eseguirà correttamente il suo lavoro.

Per creare realtà con maggior significato, significato e vicinanza dobbiamo elevarci come comunicatori efficaci.

Chiavi per una comunicazione efficace

Ci sono coppie che parlano di amore, ma ne hanno visioni diverse. Ci sono persone che condividono un’amicizia, ognuna con caratteristiche diverse. Hai mai pensato che forse quando stai parlando o discutendo con una persona, potresti avere visioni o significati diversi su ciò con cui non sei d’accordo?

Nelle conversazioni con gli altri, la parola può essere la stessa, ma il contenuto completamente diverso. Superficie e profondità potrebbero non avere la relazione che immagini. Dobbiamo prendere in considerazione ciò che diciamo e come lo facciamo, per ottenere una mappa più accurata della nostra comunicazione con gli altri.

Secondo Lamb, Hair e McDaniel, affinché la comunicazione sia efficace, devono essere eseguiti i seguenti processi:

  • Ascolto attivo.
  • Empatia
  • Comprensione del linguaggio non verbale.
  • Assertività.
  • Abilità per risolvere le differenze
  • Rispetto.
  • Credibilità

Un’opportunità per migliorare la nostra comunicazione e gli aspetti emotivi di essa può essere trovata nel corso “Migliora la tua comunicazione” di Javier Cebreiros disponibile sulla nostra piattaforma, che ci porta nel meraviglioso universo della comunicazione e ci fornisce varie strategie.

Nel seguente video possiamo avere un’idea dell’importanza di una buona comunicazione in una bella storia d’amore:

Chiedere invece di supporre

Quando abbiamo una conversazione con un’altra persona, è essenziale che chiediamo all’altro cosa sia o cosa significhi per lui ciò di cui parliamo.

Che cos’è l’amore per te? Che cosa è un rapporto per voi? Cosa significa per te essere leale o noioso? Cos’è la felicità o la tristezza per te? E allo stesso modo, possiamo anche spiegare come lo vediamo. Altrimenti, ci troveremo solo supponendo che l’altro condivide la nostra visione del mondo o pensa come noi. E questo sarebbe un sacco di possibilità, non è vero?

Ci risparmieremmo molti conflitti e incomprensioni se invece di assumere, avessimo chiesto al nostro interlocutore cosa intendesse con la sua idea o approccio…

Ognuno porta la sua educazione, le sue esperienze, la sua formazione, le sue caratteristiche personali, in modo che condividiamo sempre opinioni o sentimenti simili. Sono i nostri occhiali con cui sentiamo, interpretiamo, pensiamo e agiamo sul mondo. E ognuno di noi indossa un modello diverso.

Comunichiamo attraverso le storie

Perché non pensare che ciò che comunichiamo sia come una storia? Quello che ti comunico, è come se fosse una storia, i fatti vissuti dalla mia esperienza, una versione e quello che capisci, è un’altra versione basata sulle tue caratteristiche. Ascoltami, ma in base alle tue peculiarità, mi capisci.

O non hai notato che a volte, quando abbiamo detto qualcosa a qualcuno e questa persona l’ha comunicata ad un altro, non trasmette esattamente come noi? Ogni persona sottolinea ciò che è importante in base alle proprie esperienze. Ecco perché ogni persona è responsabile della comunicazione della propria storia.

Quando diciamo che l’altro non è giusto, ciò che in realtà esprimiamo è che non pensa come noi. O no? Rifletti su di esso …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.