Sbiancamento di un dente traumatizzato-Dentista generale e cosmetico

Lo sbiancamento dei denti è uno dei trattamenti dentali cosmetici più popolari — ed è facile capire perché. Avere denti più bianchi può farti sembrare anni più giovane, e la procedura stessa è tra i più conservatori (e conveniente) trattamenti cosmetici odontoiatria offre. A volte, tuttavia, raggiungere una piacevole e uniforme tonalità di leggerezza può essere difficile; questo è particolarmente vero quando un dente che ha bisogno di essere alleggerito è stato sottoposto a una lesione (trauma dentale) in passato.

Il trauma dentale comprende qualsiasi danno al dente causato da un agente esterno, accidentale o intenzionale. Può essere dovuto a una caduta, a un infortunio sportivo o anche a una precedente procedura ortodontica. Secondo alcuni studi, circa un quarto degli americani di età compresa tra 6 e 50 anni hanno sperimentato alcune lesioni dentali traumatiche, con la maggior parte che si verificano prima dell’età 19. I denti traumatizzati possono reagire alle procedure di sbiancamento in modo diverso dai denti non danneggiati, il che può renderli difficili da trattare. Tuttavia, sono disponibili diversi trattamenti efficaci.

Diagnosi di un dente scolorito

Il primo passo nel processo di alleggerimento di un dente traumatizzato è un esame approfondito per scoprire cosa sta causando la colorazione scura — e una delle prime cose che determineremo è se la polpa del dente è “vitale” o viva. Questo è prontamente rivelato da radiografie (raggi X) o altri test. Se il dente è ancora vitale, lo sbiancamento esterno può spesso dare risultati soddisfacenti, anche se è solo un dente che deve essere sbiancato. I trattamenti in ufficio o i vassoi da portare a casa sono efficaci, ma le procedure dell’ufficio generalmente richiedono molto meno tempo per produrre buoni risultati.

In molti casi, tuttavia, lo scolorimento di un dente traumatizzato è di per sé un’indicazione che il nervo e l’afflusso di sangue nella polpa del dente sono morti. In questo caso, prima di iniziare il trattamento sbiancante, può essere necessaria una procedura canalare per rimuovere il tessuto morto o morente e prevenire l’infezione. Scolorimento può anche accadere che un dente che è apparso normale inizierà a scolorire molti mesi (o anni) dopo un canale radicolare è stato eseguito. In entrambe le situazioni, può essere possibile sbiancare il dente con una procedura chiamata sbiancamento interno o anche ripristinare con una bella copertura in porcellana.

Sbiancamento dall’interno verso l’esterno

Poiché le macchie di un dente non vitale sono intrinseche (all’interno, piuttosto che all’esterno, del dente), dobbiamo mettere l’agente sbiancante stesso all’interno del dente. Lo sbiancamento interno è una procedura di routine. Ecco come funziona:

L’accesso alla camera pulpare (il piccolo passaggio nel centro del dente) sarà ottenuto facendo un piccolo foro nella parte posteriore del dente. Quindi, eventuali detriti dalla camera verranno rimossi e risciacquati e verrà aggiunto un cemento speciale per evitare che l’agente sbiancante coli nelle radici del dente.

Successivamente, un agente sbiancante (comunemente perborato di sodio) verrà posizionato nella camera pulpare vuota e temporaneamente sigillarlo. A questo punto, puoi alzarti e lasciare l’ufficio why ecco perché questa procedura è talvolta chiamata la tecnica “walking bleach”. Tuttavia, tornerai in pochi giorni per un altro ciclo di sbiancamento; potrebbero essere necessarie fino a quattro visite per ottenere il grado di alleggerimento desiderato.

Quando il dente raggiunge il cambiamento di colore desiderato, un restauro più permanente sarà posto sul dente per sigillare quel piccolo foro — di solito un materiale di riempimento dente-colorato di resina composita. Molte volte, questa procedura relativamente conservativa darà al tuo dente tutto l’alleggerimento di cui ha bisogno. Se non è sufficiente, il dente può essere sbiancato anche esternamente, o si può anche considerare un’impiallacciatura o una corona. L’obiettivo è quello di raccomandare la procedura dentale cosmetica più appropriata e ottenere i migliori risultati possibili.

Se non riusciamo a ottenere i risultati desiderati con lo sbiancamento interno—o tende a scolorire di nuovo entro un paio d’anni, potresti prendere in considerazione un rivestimento esterno—una bella impiallacciatura o corona in ceramica per esaltare la bellezza del tuo sorriso in modo più permanente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.